Un altro Oscar: Les Miserables

La versione cinematografica dei I Miserabili del 2012 e’ stata diretta da Tom Hopper, vincitore dell’Oscar due anni fa per Il discorso del re.
La pellicola considera sia il romanzo di Victor Hugo e che la versione musical scritta nel 1980 da Claude-Michel Schönberg (musiche) e Alain Boublil (testi).
imageAmbientato nella Francia post-Restaurazione, dopo gli sconvolgimenti della Rivoluzione monarchicida, Les Misérables è il racconto della vita di sacrifici, amori e tentativi di riscatto spirituale di Jean Valjean.
La trama e’ nota: Jean Valjean è il prigioniero numero 24601, condannato a diciannove anni di lavori forzati per aver rubato un pezzo di pane sfamando un nipote. Rilasciato a seguito di un’amnistia, prova a ricostruirsi una vita e una dignità nel mondo, nonostante gli avvertimenti e le intimidazioni di Javert. Convertito al bene dall’atto caritatevole di Monsignor Myriel, Valjean prende coscienza dei suoi peccati e decide di cambiare il suo destino, assumendo il nome di Monsieur Madeleine. Divenuto sindaco e imprenditore a Montreuil sur Mer, il signor Madeleine salva una ragazza dalla prigione, Fantine, promettendole di proteggere Cosette, la sua bambina, affidata alle cure di due malandrini locandieri, i signori Thenardier.
Fantine muore, il sindaco riscatta Cosette, diventandone padre e madre insieme, e si trasferisce a Parigi per sfuggire a Javert.
Gli anni passano e Cosette cresce, incontra Marius e se ne innamora, invece suo padre continua ad essere ossessionato da Javert.

Durante i moti francesi del 1832, avviene l’epilogo della nostra storia: Valjean risparmia la vita a Javert e lui pareggia il conto, lasciandolo libero; poi mette in salva Marius e permette il matrimonio con Cosette; infine, malato e stanco, muore in pace.
Nel cast, oltre a Hugh Jackman nei panni di Jean Valjean e Anne Hathaway, vincitrice dell’oscar come attrice non protagonista nei panni di Fantine, troviamo Russell Crowe come Javert, affiancato da Amanda Seyfried, Helena Bonham Carter e Sacha Baron Cohen.
Storia del bene e il male, Les Miserables descrive la miseria e la disperazione dell’uomo, l’abbruttimento dell’anima quando essa cade nella disperazione, un film che raccoglie personaggi toccanti e vivi, interpretati in modo spettacolare e unico, rendendo questa versione del romanzo di Hugo davvero bella.
Tuttavia, benché superlativa, qualcosa e’ mancato per rendere davvero da oscar la pellicola: le musiche, i testi e le interpretazioni degli attori sono state superbe, ma Tom Hopper non ha saputo alternare i dialoghi con le musiche, ha privato il film di una scorrevolezza narrativa e ha impedito a chi non conosceva la trama del romanzo, di appassionarsi completamente alla storia.
Inoltre la domanda sorge spontanea: come mai in un romanzo e un musical francese, i testi delle canzoni e i sottotitoli sono tutti in inglese?!
Questi probabilmente sono stati i motivi per cui a Les Miserables e’ stato assegnato solo un Oscar di rilievo ad Anne Hathaway, oltre quello del sonoro e del trucco, e tre Golden Globe, ma non è riuscito a trionfare come avrebbe potuto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...