Into Darkness – Star Trek

images (4)

Star Trek Into Darknessdiretto da J. J. Abrams, è la dodicesima pellicola della serie cinematografica di Star Trek e sequel del fortunato reboot del film del 2009.

La storia parte dalla missione che la nave Enterprise sta svolgendo sul pianeta Nibiru per salvarlo dall’eruzione di un enorme vulcano che minaccia di distruggere la primitiva civiltà locale. Durante la missione, il capitano James T. Kirk viola la Prima direttiva della Federazione e viene degradato al ruolo di primo ufficiale sulla nave dell’ammiraglio Pike, mentre Spock viene riassegnato a un’altra nave. Nel contempo a Londra un misterioso terrorista, John Harrison, dopo aver salvato la figlia di un membro dell’ intelligence della Flotta Stellare col suo stesso sangue, lo convince a far saltare un intero edificio della Federazione, scatenando morte e distruzione.

images (5)Dopo questi due avvenimenti, tra attentati, morti, sorprese, liti e colpi di scena, il film ci racconta di Harrison, che si rivela essere in realtà Khan, un superuomo geneticamente modificato rimasto per trecento anni in stasi prima di essere risvegliato dall’ammiraglio Marcus e sfruttato da questi per il suo genio bellico e tattico. Khan è un personaggio ben noto in Star Trek perché comparso sia in un episodio della serie classica e nel secondo film trekkiano, L’ira di Khan.

L’epilogo del film porta Khan alla cattura definitiva, un siero viene sintetizzato dal suo sangue e infine egli viene ricongelato, ricongiungendosi così ai suoi compagni in stasi. Invece Kirk viene a sua volta salvato da Spock, come egli aveva fatto per il suo amico vulcaniano su Nibiru, e questi capisce la profondità dell’affetto e dell’amicizia umana.

Un anno dopo, la nave stellare Enterprise ricostruita, ha un nuovo varo e col suo equipaggio è finalmente assegnata a una missione quinquennale nello spazio profondo. Kirk, ora un uomo più maturo e rispettoso delle regole.

gallery_12

Da appassionata del genere Star Trek ci sono sia delle critiche che delle lodi da fare a J.J Abrams, iniziamo dalle critiche: sia nel primo ma soprattutto in questo secondo film, Abrams ha trascurato di approfondire i rapporti tra i vari personaggi, di marcare i perchè delle differenze caratteriali dei diversi personaggi. E’ vero che li conosciamo però lui ha fatto partire la storia da un punto in cui l’equipaggio dell’Enterprise è lungi dalla saggezza dell’esperienza e, soprattutto, ha vissuto avvenimenti diversi da quelli descritti nella serie classica. Inoltre, è stato bravo a costruire una storia prendendo Khan, nemico conosciuto per eccellenza della Confederazione, però avrebbe potuto fare di più, inventarsi qualcun’altro, un altro cattivo, insomma arricchire l’universo di Star Trek.

Star_Trek_gets_a_teaser_poster_article_story_mainVeniamo alle lodi: ottima l’atmosfera dell’equipaggio e della nave, sembrava essere tornati nella serie classica. Il tono drammatico e scherzoso ha reso il film facile da vedere e a tratti divertente e spassoso. Davvero belle le sequenze sulla nave, che sembra un corpo unico, una vera nave spaziale, e quelle girate nello spazio: chi ha visto il film in 3D sa di cosa parlo.

Insomma J.J. può migliorare, ma anche il lavoro fatto finora è eccellente, quindi aspettiamo il prossimo film, per “arrivare laddove nessuno è mai giunto prima”!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...