Italy in a day

italy-in-a-dayItaly in a day è un film di Gabriele Salvatores, uscito nei cinema il 23 settembre, potrebbe essere definito  il primo social film italiano oppure l’espressione di un nuovo neorealismo 2.0. Presentato, fuori concorso, alla 71esima Mostra del Cinema di Venezia, il film è composto dal montaggio di 45.000 video girati con tutti i mezzi possibili (fotocamere, smartphone, etc.), video che mostrano lo spaccato della vita quotidiana il 26 ottobre 2013, un sabato, di un paese che soffre, che gioisce, che lavora, dove c’è chi nasce, chi muore, chi lotta, con un senso di tenerezza verso la vita e verso l’umanità.

Rispetto ad un film normale, non esiste una trama, possiamo individuare un paio di video principali che passano per tutta la pellicola: il 26 ottobre dell’astronauta Roberto Palmisano e quello di un ragazzo che lavora su di una nave da carico nel mezzo della navigazione nell’Oceano atlantico. Altra caratteristica è l’arco temporale della giornata, dallaitaly-in-a-day-4-high mezzanotte del 26 al termine della stesso giorno: la bellezza del montaggio di Salvatores è la presenza di video che scandiscono le ore, come le prime ore dell’alba con mamme e papà in piedi con i loro bimbi, il panettiere, il caffè che sale nella moka, insomma gesti quotidiani tutti italiani; oppure le scene di avvio della giornata, degli sport fatti nel weekend; quelle del normale sabato pomeriggio, che appartengono un po’ a tutti; fino ad arrivare a quelle dedicate al tramonto e del termine della giornata, col meritato riposo di tutti.

Analizzando i video scelti, moltissime sono le scene dedicate alla vita, ai bambini, ai genitori che li seguono passo passo; scene dedicate a genitori separati, genitori ormai anziani che vengono curati dai propri figli, insomma scene dedicate a quella famiglia intorno a cui gira la nostra società. Ci sono poi i video più tristi che parlano del lavoro Itali-in-a-day-frame1-480x265perso, del lavoro che non arriva e di quello stentato, insomma la crisi.

L’opera compiuta da Salvatores prende al cuore, nel bene e nel male, ci fa riflettere, ci racconta, ma soprattutto ci dice che l’Italia dei valori esiste ancora, che chi combatte c’è e che tutti credono in qualcosa. E, se l’obiezione più ovvia è che il montaggio può avere influenzato il racconto, è anche facile rispondere che comunque quei video qualcuno deve averli girati, quindi qualcuno che crede, lotta, spera e ama c’è.

11399-99Altra considerazione, ormai tutti girano video e bloccano spaccati di vita, i contributi sono demograficamente sbilanciati per ragioni del tutto legate alla tecnologia, pochi gli over 40 mentre gli unici anziani in video sono l’oggetto delle riprese di qualcuno più giovane. Mentre vediamo scene di vita quotidiana assistiamo ad un clamoroso svincolarsi del racconto sociale, sempre meno dipendente dallo sguardo di un autore e sempre più nelle mani degli stessi soggetti rappresentati. Molti dei contributi infatti contengono piccoli climax, svelano solo nel finale la loro vera natura, non distribuiscono subito tutte le informazioni necessarie per comprenderli ma si riservano colpi di scena in cui le situazioni si rivelano diverse da quel che sembravano, ottenendo quello che si capisce essere stato l’effetto sperato.
Visto in questi termini, Italy in a day non è un documentario, ma un documento della storiaiid contemporanea, la più significativa opera di divulgazione della internet culture che sia mai stata realizzata nel nostro paese: il motivo è legato alla potenzialità della cultura partecipativa, dell’atteggiamento di quella parte di paese che vive online, visto che il progetto partiva da un sito e attraverso di esso si poteva partecipare; e dei risultati inaspettati e clamorosi a cui si è giunti grazie sia al regista come intelligenza centrale, unita alla libera condivisione dei volontari partecipanti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...